Album con Post 


Post correlati da video

Facebook Posts M5S Saronno

WORK IN PROGRESS PER IL M5S SARONNO

A vele spiegate il M5S naviga verso il 4 marzo. Anche oggi a Saronno, tra i banchi del consueto mercato settimanale, alcuni candidati alla Regione, Camera e Senato, si sono mescolati ai numerosi cittadini per parlare con loro  e farsi conoscere. Erano presenti: Paola Macchi (candidata al Senato), Monica Gliera (candidata alla Camera), Alberto Lucchese (candidato Regione Lombardia), Maria Carlotta Parrino (candidata Regione Lombardia), con loro naturalmente gli attivisti del M5S Saronno. Venerdì 23 febbraio altro incontro molto importante per la nostra campagna elettorale e per il nostro territorio. Alle 21 all'Auditorium Aldo Moro di Saronno Gianluigi Paragone, Alberto Lucchese, Paola Macchi, Monica Gliera, Niccolò Invidia e Roberto Cenci illustreranno alcuni tra i punti più importanti del programma del M5S. NON MANCATE ALL'APPUNTAMENTO!!
#m5ssaronno
https://saronno5stelle.it

WORK IN PROGRESS PER IL M5S SARONNO A vele spiega...

Siamo agli sgoccioli, manca molto poco alle prossime elezioni politiche. Il MoVimento 5 Stelle ce la può fare, se riusciremo a fare una grande campagna elettorale. Io credo che riusciremo a vincere le prossime elezioni, ci credo tanto. Vedo i partiti politici che si difendono reciprocamente, che tentano di spaventare gli italiani per un possibile governo del MoVimento 5 Stelle. Lorsignori sono terribilmente spaventati, e hanno anche ragione: faremo nuove leggi sui costi della politica e sul taglio dei vitalizi, sulla creazione di una banca pubblica di investimento per le imprese gestita dallo Stato Italiano. Abbiamo norme pronte sulla trasparenza bancaria, per tutela del risparmio dei cittadini, norme anticorruzione, abbiamo pronto il Reddito di Cittadinanza per rendere la povertà illegale. Oltretutto se passasse il Reddito di Cittadinanza si annienterebbe il voto di scambio, un cancro del nostro paese, e certi soggetti politici senza voto di scambio non verrebbero mai eletti. Per questo vi chiediamo un sostegno  economico: http://www.movimento5stelle.it/programma/donazioni.html
Luigi sta girando l'Italia e io anche nel mese di febbraio partirò, sarà qualcosa di grande come il Costituzione Coast to Coast.

Anche se non sarò candidato per me non cambia niente, sosterrò il MoVimento 5 Stelle, il mio unico obiettivo è vincere le elezioni, permettere al Movimento 5 Stelle di andare al governo, e a Luigi Di Maio di essere il futuro Presidente del Consiglio. Sosteneteci con una donazione: sapete come siamo, abbiamo rifiutato 42 milioni di euro di rimborsi elettorali, ci siamo tagliati tanti soldi dei nostri stipendi e questo è il segnale di credibilità che noi mettiamo sul piatto e attraverso il quale ci sentiamo assolutamente in diritto di chiedervi un sostegno volontario. Microdonazioni, perché attraverso le microdonazioni noi riusciamo a fare la nostra campagna elettorale. E soprattutto non dobbiamo dire grazie a nessuno, a parte l'unico nostro lobbista: il popolo italiano. Sosteneteci! Viva il MoVimento 5 Stelle!
Alessandro Di Battista

Siamo agli sgoccioli, manca molto poco alle prossi...

LA CASTA LOMBARDA SI REGALA L'ULTIMO PRIVILEGIO!

Era da un po' che non usavo questo termine,

LA CASTA LOMBARDA SI REGALA L'ULTIMO PRIVILEGIO! ...

IL TRENINO DEI DESIDERI.

Il PD è in rosso  ma Matteo Renzi viaggia per le province italiane al costo di 400.000 euro (notizia pubblicata dal Fatto Quotidiano).
Con un buco di quasi 10 milioni di euro in seguito alla disastrosa campagna per il SI al referendum costituzionale il leader del PD ha preso un treno di Trenitalia e lo ha allestito a suo uso e consumo, cominciando così il suo giro di propaganda supportato da un nutrito staff di politici e collaboratori. Intanto all'interno del partito 184 dipendenti sono in cassa integrazione e i consensi si sgretolano di giorno in giorno.

IL TRENINO DEI DESIDERI. Il PD è in rosso ma Ma...

LIVORNO NEL CUORE.
SOLIDARIETA' PER GLI AMICI LIVORNESI. UNA RACCOLTA FONDI CHE NON FINIRA' NELLE TASCHE SBAGLIATE.

Dopo il tragico alluvione del 9 e 10 settembre a Livorno si comincia a fare il punto della situazione. Dare numeri certi non è ancora possibile, ma si stimano danni attorno ad un miliardo circa tra le imprese, il piano di rilancio industriale e i danni alle famiglie che hanno perso tutto ciò che avevano. Di Livorno si parla troppo poco e sono passati solo solo 20 giorni dal  tremendo alluvione che ha fatto 8 vittime e messo in ginocchio l'intera città. A Rimini il M5S di Saronno ha incontrato i volontari  del Meetup livornese che al loro banchetto organizzavano una raccolta fondi per l'alluvione, abbiamo parlato con loro e ci siamo resi conto che

LIVORNO NEL CUORE. SOLIDARIETA' PER GLI AMICI LIVO...

M5S SARONNO
LA NOSTRA  #ITALIA5STELLE

Una maratona di tre giorni entusiasmanti a Rimini col M5S, il consueto raduno  nazionale che quest'anno sarà ricordato per qualcosa di molto importante per la storia del Movimento: il passaggio

M5S SARONNO LA NOSTRA #ITALIA5STELLE Una maraton...

LUIGI DI MAIO - IL RAGAZZO D'ORO DEL M5S.

Entra a far parte del M5S nel 2007, nel 2010 si candida come consigliere comunale del suo comune, in seguito alle cosiddette

LUIGI DI MAIO - IL RAGAZZO D'ORO DEL M5S. Entra a...

IL M5S IN SICILIA CI SARA'!

Nonostante il ricorso fatto da un iscritto per essere ammesso in lista, nonostante il tribunale abbia per questo sospeso momentaneamente le regionarie, nonostante i partiti tentino improbabili coalizioni che portino voti sperando di toglierli al M5S, nonostante stiano cercando in tutti i modi di spiazzare il nostro candidato Giancarlo Cancellieri con ogni mezzo (e certo non serve troppa fantasia per immaginare quali siano i

IL M5S IN SICILIA CI SARA'! Nonostante il ricorso...

"...QUANTA STRADA NEI MIEI SANDALI........" QUANT...

Load more

Post correlati da Link 

Facebook Posts M5S Saronno

Load more

Post correlati da foto

Facebook Posts M5S Saronno

UN PROGETTO DI LEGGE DEL M5S

M5S Regione Lombardia.
LOMBARDIA PLASTIC FREE
Liberiamo dalla plastica monouso uffici pubblici, scuole, mense e sagre di paese. E soprattutto cominciamo a liberare le prossime generazioni da un pesante debito ambientale.

Ecco cosa prevede il progetto di nostro Legge: 
⭐⭐⭐⭐⭐ https://goo.gl/J3rrcR
NICCOLÒ INVIDIA. 6500 EURO DI ONESTA'.
Uno dei nostri migliori ragazzi eletto alla Camera il 4 marzo. Si può dire che abbia appena iniziato il suo percorso politico e già restituisce 6.500 euro. Ma pensate davvero che alla sua età non gli facessero comodo? Niccolò sei un Grande esempio.....siete tutti dei Grandi esempi per i vostri colleghi avversari, che imparino da voi cosa vuol dire ONESTA'!🌟🌟🌟🌟🌟
BELLISSIMO TESTO DI ANDREA SCANZI SUL DECRETO DIGNITA'. DA APPLAUDIRE.

(di Andrea Scanzi) – Mentre la “sinistra” ci dice ogni giorno che Salvini è Hitler, Fedriga Mengele, Borghi Farinacci e la Borgonzoni Eva Braun, provocando nel mondo una continua asciugata di coglioni senza pari e al contempo una crescita sistematica della Lega, nel mondo reale accadono tante cose. Per esempio queste due qua.

– Prima la sentenza di primo grado sulla trattativa Stato-mafia, poi la motivazione sull’attentato a Borsellino e ai suoi angeli custodi: “Uno dei più grandi depistaggi nella storia”. In breve, e semplificando: a) chi ha parlato per quasi trent’anni di Trattativa Stato/mafia, contro tutto e contro tutti, mentre buona parte dei media santificava i Mori e i Subranni, aveva drammaticamente ragione; b) Borsellino fu ammazzato perché si oppose ad essa; c) subito dopo la sua morte, con le macerie ancora fumanti, venne trafugata la sua agenda rossa (satura di scoperte scottanti) e poi orchestrato un depistaggio a suon di pentiti inventati e ritrattazioni schifose. Guarda caso, 26 anni dopo “il tappo è saltato” (cito l’empio Travaglio di stamani) proprio quando Forza Italia e Pd non sono al governo, ma ci sono due forze non certo accusabili di essere coinvolte in quei casi. Secondo voi è una coincidenza?

– Il dl Dignità. Politicamente è il primo colpo messo a segno da Di Maio, sin qui sistematicamente offuscato dalla sicumera crassa mediatica di Salvini (parentesi: il caso “49 milioni” non gli farà neanche il solletico). Il dl Dignità ha fatto incazzare in un colpo solo la destra, Pd (scusate la ripetizione), Forza Italia (scusate la ripetizione) e Confindustria. Quindi deve contenere per forza delle cose buone. Nella realtà è un po’ un decreto “vorrei ma non posso”, perché la presenza della Lega obbligherà sempre i 5 Stelle a giocare al ribasso. E avendo elettori esigenti, questo può ritorcerglisi contro. La Lega, strada facendo, cercherà di ammorbidirlo ancora di più: vedi alle voci “voucher” e “plachiamo i piccoli imprenditori del Nord”. La definizione più sensata è di Cofferati e Landini, e cito volutamente due persone che stimo: “E’ un decreto migliorabile, ma contiene buone cose e va nella direzione giusta”. Di sicuro rispetto al Jobs Act è il Nirvana, ma tutto sarebbe migliore del Jobs Act: anche Orfini vestito da Dita Von Teese (no, forse lui no). Leu e Pap dicono che “è insufficiente”, e non hanno torto, ma sarebbe forse anche il caso – ancor più dall’alto del loro 2% cadauno – di vedere ogni tanto il bicchiere mezzo pieno. Cercando di migliorarlo concretamente prima del suo varo. Notevole il commento della Meloni: “Di Maio sembra il Pci degli Ottanta”. La definizione è sintomatica della trasversalità dei 5 Stelle, che sull’immigrazione guarda a destra e sul lavoro a sinistra, sull’Europa a destra e sull’ambiente e giustizia a sinistra. E’ sempre stato così e non è né un pregio né un difetto: è un fatto.

Chi continua ad asserire che i 5 Stelle siano di destra “perché stanno al governo con Salvini”, o è la Boldrini o non ci ha capito nulla (scusate la ridondanza). Per dirla più chiaramente: ci sono più cose di sinistra in mezza pagina del Dl Dignità che in cinque anni di governi Letta/renzi/Gentiloni.
SMANTELLATA LA TENDOPOLI AL TRIBUNALE DI BARI.

Abbiamo tolto le tende.
 Alfonso Bonafede
Ieri la Protezione civile ha smantellato la tendopoli al tribunale di Bari in seguito al decreto emanato dal Governo per sospendere i processi fino al prossimo 30 settembre. Un provvedimento la cui urgenza era dettata proprio dalla inaccettabile situazione in cui si amministrava la giustizia a Bari: dentro delle tende, fra caldo tropicale, zanzare, allagamenti. Un luogo in cui era possibile solo fare delle udienze di rinvio, non celebrare i processi, in cui la scritta “La legge è uguale per tutti” era stampata su un foglio volante attaccato a un banco con del nastro adesivo. Giusto a rappresentare quanto fosse precaria l’amministrazione della giustizia in quel luogo. 

Una situazione mortificante per tutti, dagli operatori del mondo giustizia ai cittadini. Abbiamo posto fine a questa situazione, è stato il primo impegno che ho preso da ministro e l’abbiamo portato a termine. Ma, oltre provvedere all’urgenza, siamo a lavoro per dare agli uffici giudiziari di Bari una sede sicura e capace di ospitare tutte le sezioni e i tecnici del Ministero stanno già facendo i sopralluoghi. 

Non lasceremo soli i cancellieri alle prese con migliaia di notifiche, stiamo pensando a una task force che renda più agevole e veloce questo compito. E, al contrario di quanto qualcuno sostiene, la Giustizia non si ferma a Bari: tutti i provvedimenti urgenti – i processi con detenuti, quelli per mafia e terrorismo, la convalida degli arresti – saranno comunque portati avanti. 

L’ho già detto in precedenza e lo ribadisco: le polemiche non mi interessano, c’è tanto da lavorare e sono concentrato solo su questo.
IL M5S DI SARONNO RESTA ALL'OPPOSIZIONE!!!!

Un chiarimento necessario da parte del consigliere Davide Vanzulli  del M5S Saronno, dopo le numerose voci fatte girare da alcuni detrattori che davano in nostro portavoce "interessato" ad una sua partecipazione in Giunta leghista a Saronno. Niente di più falso! L'opportunità di un chiarimento ufficiale l'ha avuta Vanzulli durante il consiglio comunale del 25 giugno, durante il quale il consigliere ha fatto chiarezza sulla posizione del M5S che resterà all'opposizione nel rispetto delle regole del suo mandato. 
#m5ssaronno
https://saronno5stelle.it
Movimento 5 Stelle
È ORA DI TAGLIARE

La casta minaccia rappresaglie contro Roberto Fico e il Movimento 5 Stelle?
Niente paura, noi abbiamo fatto una promessa a tutti i cittadini e la porteremo avanti con forza e determinazione fino alla fine.

NON CI FERMERANNO, L'ERA DEI PRIVILEGI È FINITA
ANDREA SCANZI, TOSCANO DOC, NON FRENA LA RABBIA.

In un comprensibile incontenibile sfogo descrive realisticamente un disastro storico-politico che non è solo quello di una sinistra massacrata ma di un Paese che ha dovuto sottostare ad un assurdo modo di fare politica anteponendo il proprio EGO ad ogni altra logica. Uno sdegno, quello di Sanzi, condiviso.
#m5ssaronno
https://saronno5stelle.it

Andrea Scanzi 
Forse solo i toscani possono avere piena contezza di quel che è successo ieri. Riuscire a perdere in un colpo solo Pisa, Massa e addirittura Siena, è qualcosa di clamoroso. Di impensabile. Di incredibile. Qualcosa che va a mettere la pietra tombale su quel che fu la "Toscana rossa", dopo che tanti feudi erano già caduti negli ultimi anni (Livorno, Carrara, Arezzo, Pistoia, Grosseto, eccetera eccetera eccetera). Siamo di fronte a uno dei più grandi incapaci politici nella storia dell'umanità, e non è che lo si scopra adesso: Matteo Renzi è sempre stato così. Non c'è mai stato nulla, nella storia repubblicana, più involontariamente comico, tristemente disastroso e spaventosamente sopravvalutato come lui. E purtroppo, salvo rari casi, buona parte della "classe dirigente" da lui scelta e imposta gli somiglia. Dopo le Europee quest'uomo - protetto da quasi tutti i media - ha perso tutto, ma non ha arretrato di un millimetro: voleva rottamare il partito e ce l'ha fatta, infatti ora non c'è rimasto quasi nulla. Eppure più lui distrugge e più gli altri non parlano. Sopportano. Minimizzano. O - la cosa che preferiscono - danno la colpa agli arbitri. Il popolulismo. Il sovranismo. Il cinismo. Il razzismo. Il vento di destra. Bla bla bla. Ogni giorno i social sono pieni di immani ammorbate di coglioni su quanto Salvini sia Goebbels, lasciando intendere che chi lo vota è un cretino ignorante e scemo che sta portando il paese alla rovina. La solita "lettura" snobistica della "sinistra", che ama assolversi anzitutto quando è l'unica colpevole. Molti testimonial del Pd non odiano Salvini: lo adorano, perché è l'alibi perfetto per rifarsi una coscienza. Sono totalmente sconnessi dalla realtà, ma non per questo smettono di pontificare. Se il Pd ha perso tutto non è perché l'Italia è razzista, tesi tanto offensiva quanto ridicola: è perché il Pd, con Renzi, è riuscito a divenire (a dispetto delle tante persone belle che lo popolano) il partito più respingente, repellente, incapace e lontano dalla gente che esista nello scacchiere italico. Non è colpa di nessuno: ha fatto tutto da solo. Se il Pd riesce ormai a perdere anche quando gioca da solo, non è per via di una congiura trumpista-orbanista: è perché si è consegnato colpevolmente a un Berlusconi venuto male e a una "classe dirigente" quasi sempre irricevibile, che troppi "intellettuali" hanno avallato - e spesso perfino riverito - invece di combattere. Non prenderne atto, mandando ancora in tivù quelli che hanno generato lo sfacelo o rifugiandosi nelle analisi lagnose à la Zucconi , è la maniera migliore per continuare a perdere sempre. Per trasformare ogni Siena in una Waterloo. Per riuscire a stare ancora più sulle palle al mondo. E per regalare definitivamente il paese a Salvini.
BUON INIZIO SETTIMANA A TUTTI I PENTASTELLATI.
Oggi cominciamo così, con un'altra battaglia vinta e la voglia di andare sempre avanti CON TESTA E CUORE A 5 STELLE.
#m5ssaronno
https://saronno5stelle.it
MACRON:L'ITALIA NON HA UNA CRISI MIGRATORIA!

In campagna elettorale, e anche in tempi non sospetti, la posizione di Luigi Di Maio sul problema migranti è stata sempre la stessa. Non possiamo dire di non aver mai saputo che l'intenzione del nostro vice Premier fosse quella di recarsi ai tavoli in UE e cercare una collaborazione sulla gestione delle immigrazioni nel nostro Paese. 
#m5ssaronno
https://saronno5stelle.it

Luigi Di Maio
Le dichiarazioni di Macron sul fatto che in Italia non esista una crisi migratoria dimostrano come sia completamente fuori dalla realtà. Evidentemente i governi italiani precedenti gli avevano raccontato che il problema non esisteva, forse per far continuare indisturbato il business dell'immigrazione.

In Italia l'emergenza immigrazione esiste eccome ed è alimentata anche dalla Francia con i continui respingimenti alla frontiera. Macron sta candidando il suo Paese a diventare il nemico numero uno dell'Italia su questa emergenza, il popolo francese è sempre stato solidale e amico degli italiani. Ascolti loro, non chi fa soldi sulla pelle di quelle persone.

È ufficialmente finita l'epoca in cui l'Italia si fa carico di tutto. Noi scriviamo la parola fine al business dell'immigrazione.

Gli Hotspot nei Paesi di primo sbarco vorrebbe dire "Italia pensaci tu". Non esiste. I centri vanno realizzati nei paesi di origine e transito e devono essere a guida europea. Questo è quello che il MoVimento 5 Stelle chiede da anni ed è quello che chiederà il Presidente Conte a Bruxelles. Non arretreremo di un millimetro. È l'ora della solidarietà europea!
IN TUTTO SONO 4,3 MILIONI DI EURO RISPARMIATI
dalle rinunce alle indennità dei nostri portavoce nelle commissioni parlamentari.

di Maria Edera Spadoni, Vicepresidente Camera dei Deputati
4 milioni, 328 mila euro. E' la cifra che Camera e Senato risparmieranno, grazie alla rinuncia alle indennità aggiuntive dei nostri portavoce. Ma andiamo con ordine. Ieri si sono finalmente insediate le commissioni parlamentari. Come sapete, sono il vero strumento operativo di Camera e Senato. La legislatura entra dunque nel vivo. Adesso possiamo lavorare concretamente su tutti i temi del nostro programma e del contratto di governo.

C’è però un primo atto che i nostri portavoce hanno già realizzato: 
tutti i deputati e i senatori del Movimento 5 Stelle che sono stati eletti presidenti di commissione - ma anche i vice presidenti e i segretari - hanno deciso di rinunciare alle indennità aggiuntive che spetterebbero a chi ricopre questi ruoli.
Cosa vuol dire concretamente? Basta prendere la calcolatrice in mano: 2.630.000 euro risparmiati tra Camera e Senato nell`arco dei 5 anni di legislatura.
Non c’è spazio qui ora per elencare tutti i loro nomi perché siamo tantissimi: 9 presidenti, 5 vicepresidenti e 4 segretari alla Camera; 8 presidenti, 6 vicepresidenti e 7 segretari al Senato.

Auguro buon lavoro a tutti i miei colleghi. Un augurio che rivolgo anche ai rappresentanti delle altre forze politiche, a cui faccio un altro appello: perché non rinunciate anche voi alle indennità aggiuntive?

Temo che questa domanda rimarrà senza risposta.

E c'è un altro capitolo:

il Presidente della Camera Fico, la sottoscritta in qualità di vice presidente, e tutti i nostri portavoce che fanno parte degli uffici di presidenza di Camera e Senato, anche noi abbiamo già rinunciato alle indennità aggiuntive. 
Totale: un altro milione e 698 mila euro di risparmi.

La rinuncia alle indennità, di tutti i nostri portavoce, è un fatto che, nella sua normalità, dimostra il nostro impegno nel voler ridurre i costi della politica e nel voler cambiare l’immagine del Parlamento, che non sarà più il simbolo degli sprechi e dei privilegi.
Load more

Altri Post 

Facebook Posts M5S Saronno

Load more